mercoledì 26 novembre 2008

Ussana, Frecciate sui precari assunti [L'UNIONE SARDA]

Con cadenza mensile l'Unione Sarda pubblica articoli che trascendono dalla situazione politica ussanese; per chi ha seguito le proteste portate avanti dal gruppo di minoranza Ussana Democratica e dal PD ussanese non sarà difficile verificare che anche l'ultimo articolo rappresenta una realtà surreale, mentre per chi non è conoscenza della sequenza temporale e logica dell'impegno del Pd ussanese profuso in solidarietà degli Lsu leggete i nostri precedenti post:
http://lanostraussana.blogspot.com/2008/03/per-i-lavoratori-socialmente-utili-di.html
Ecco l'articolo apparso ieri sull'Unione Sarda:

Per i lavoratori socialmente utili in servizio al Comune di Ussana arriva, finalmente, la stabilizzazione. L'assunzione è scattata dal primo novembre scorso, dopo la ratifica del consiglio comunale alla deliberazionedella Giunta guidata daEmidio Contini. L'assunzione degli operai ex cassintegrati di Ussana arriva al culmine di due anni di polemiche roventi, con la minoranza di centrosinistra che accusava la giunta Contini «di non fare abbastanza per la stabilizzazione dei lavoratori, precari da 13 anni, una miseria di stipendio, 600 euro, e senza contributi previdenziali». Dopo il voto in consiglio che ha portato all'assunzione degli lsu il quadro politico sembra ora ribaltarsi.
Gli ultimi due lsu rimasti ad Ussana entrano a far parte dell'organico del Comune grazie al voto della sola maggioranza. Il gruppo composto da Pier Paolo Loddo, Barbara Puddu e Davide Sarais, ha invece votato contro. «La Giunta -dice Paolo Loddo- sta stabilizzando gli ultimi due lsu ma si è fatta sfuggire gli altri quattro gia inseriti all'interno dell'azienda ospedaliera Brotzu ».
Il primo cittadino di Ussana replica: «Le questioni portate avanti dall'opposizione erano solo strumentali».

4 commenti:

tapitapi ha detto...

L'articolo pubblicato dall'Unione Sarda lascia trasparire come la minoranza sia contraria all'assunzione degli LSU in base al voto contrario su una ratifica di deliberazione di Giunta che verte su una variazione di bilancio e non sulla effettiva assunzione degli stessi.
Tra le altre cose la variazione di bilancio comprendeva circa 8/9000 € stanziati per consentire agli amministratori di partecipare a dei non più di tanto specificati convegni o corsi di formazione [(?)gite con famiglia al seguito], ovvero circa il salario lordo per sei o sette mesi di lavoro di un operaio qualificato.
Comunque è meglio nascondere queste cose e far credere surretiziamente alla popolazione che la minoranza ha votato contro l'assunzione degli LSU.

matilde ha detto...

Non preoccupatevi, lo sanno tutti che l'unione sarda è faziosa, e forse anche "qualcos'altro"...
Sarebbe giusto poter replicare, voi lo fate quì sul blog ed è il minimo, gli ussanesi devono essere messi al corrente di come gli amministratori utilizzano il loro mandato, ma non è lo stesso che farlo sul giornale stesso, e ritengo che la vostra indignazione sia più che legittima.
Questa è la dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, del fatto che l'informazione in Italia non è libera ed indipendente.
Articoli come quello che citate sembrano appunto "commissionati"...
Ciao, Matilde

sbirulino ha detto...

ciao a tutti ,si sà che l'unione sarda non va mai contro la volontà politica di certe amministrazioni locali ,e quindi consiglio a tapi tapi di non preoccuparsi di quello che scrivono certi giornali o di quello che dice la popolazione ,tanto la gente è al corrente di tutto quello che succede nell'ambito comunale.ciao a tutti.

desaparecido ha detto...

La minoranza potrebbe rendere pubblica quella "variazione di bilancio" tanto discussa:
LA CARTA CANTA!!!!!