mercoledì 16 luglio 2008

Interventi di messa in sicurezza nel quartiere di Sant’Elia a Cagliari

La Giunta regionale ha dato oggi il via libera all’intervento immediato di messa in sicurezza del complesso edilizio “Del Favero” nel quartiere di Sant’ Elia a Cagliari, attraverso l’abbattimento del piano piastre che interessa una superficie di 4.200 mq.
I lavori verranno appaltati nei prossimi giorni da Area, l’Azienda regionale per l’Edilizia Abitativa, attraverso un finanziamento regionale di 710.000 euro.
I tecnici della Regione, che nelle settimane scorse avevano avviato insieme all'Area un lavoro di monitoraggio e di manutenzione urgenti, hanno riscontrato gravi fenomeni di degrado edilizio in alcune delle strutture del complesso.
Si tratta di un intervento straordinario che anticipa le linee tracciate dalla Regione con la legge finanziaria per il 2006 in termini di riqualificazione delle aree urbane a maggior presenza di edilizia residenziale pubblica.
Tra i quartieri da riqualificare ha assunto particolare rilievo quello di S.Elia a Cagliari, per il quale si è già pervenuti alla predisposizione del Master Plan degli interventi che prevede un significativo programma di riqualificazione urbana.

7 commenti:

democratico ha detto...

Ma, per caso è già partita la campagna elettorale per le regionali del 2009?
Fatemelo sapere, vorrei scendere in campo anch’io.
W le primarie.
a.m.

democraticamente ha detto...

Bravissimo democratico!Scendi in campo, ma per davvero:non fare però come i tuoi superiori che tirano la pietra e nascondono la mano...Parlano,parlano,parlano e Renato invece agisce!Vedi, anche il segretario regionale ha capito che non c'era trippa per gatti e si è mestamente messo da parte: non è riuscito a trovare una persona disponibile a confrontarsi con Soru per le primarie. Evidentemente si è capito che si voleva ripetere la "prestazione" delle scorse primarie, quando si portò a votare il centrodestra solo per non far vincere Soru....Ora succederà che riusciremo a perdere le prossime regionali per non aver riconosciuto il grande merito di Soru, pur con tutti i suoi difetti, nell'apportare cambiamenti epocali che servivano alla Sardegna. Ad esempio, riguardo a questo post: fammi l'elenco di tutti i presidenti di regione o sindaci che si sono interessati per davvero a S.Elia!Non solo per andare a fare clientele in campagna elettorale...Quando lo capiremo sarà troppo tardi, e allora tutti diranno: ma io l'avevo detto!Il solito "tafazzismo" della sinistra mischiato col "tafazzismo" sardo è una miscela esplosiva...

desaparecido ha detto...

Correggettemi se sbaglio.
L'unica STRATEGIA che sta utilizzando il CentroDestra sardo è quella dei 200 muratori e manovali che non possono lavorare a causa del Piano Paesaggistico della giunta Soru e che a breve dovranno essere licenziati e sbattuti per strada!
Ho visto una pubblicità a pagina intera su un "quotidiano satirico" dove si strumentalizzavano per fini politici questi lavoratori sardi.
Ma come ci siamo ridotti? E l'informazione?

Contro Soru non ci sono serie accuse di malgoverno; anzi tanti suoi compagni di viaggio si sono arenati in questi ultimi 3 anni proprio per la loro meschinità e sfrontatezza nei cofronti dei sardi. Siamo circondati dalle Larve!
Caro a.m. i partiti politici son sempre in campagna elettorale ma questo post che hanno inserito esalta altri fattori di una politica che nel commento di Democraticamente sono stati elencati.
Per tornare al tema del post: credo che Riqualificare il quartiere di S.Elia sia una faccenda molto ambiziosa; questa darà i frutti sperati solo se la Sinistra Sarda capirà come affrontare le problematiche di oggi con delle chiavi di lettura colme di qualità. Altrimenti il destino di tutti noi sardi sarà sempre quello della Sottomissione Eterna e della Parentopolitica.
Se esiste un avversario degno di Soru e delle primarie che si faccia pure avanti; piccola credenziale: non essere da 30 anni in politica!!!

democratico ha detto...

Sono strasbalordito, avete preso una leggera sbandata, non pensavo di causare una reazione così esagerata, solo per aver scritto: W le primarie,………… mi costringete a prendere in prestito una frase detta da un’amico:…. SIETE DEI DILETTANTI.
Non si può essere per le primarie a giorni alterni, dalla Val D’Aosta alla Sicilia hanno dato i loro frutti democratici, non si capisce perché i Soriani Sardi siano contrari.
Vi ricordo che nell’ottobre del 2005 abbiamo fatto anche la ola dopo il risultato straordinario che ha portato circa 5 milioni di italiani ai seggi, e i candidati erano 7.
Rispondo a democraticamente: in primis, non ho superiori in quanto non appartengo ad alcuna parrocchia, contrasto il tafazzismo, è sono per le Primarie a tutti i livelli, anche nei piccoli centri come Ussana,…. inoltre non ho portato nessun esponente di destra a votare, anzi, nel mio piccolo le combatto aspramente, quindi, stia sereno, non sono quello che lei dipinge.
Scenderò sicuramente in campo è andrò a votare un Presidente della Regione, possibilmente non scelto da Roma, in quanto mi giudico un democratico di terza generazione.
Inoltre, lei fa un errore grossolano nel dire che perderemo le prossime Regionali perché non riconosciamo il buon lavoro fatto da Soru,.. sta forse mettendo le mani avanti? .. Quindi, se si perde è colpa di chi non ha creduto in Soru,….. se si vince è grazie a R. Soru.
Io, Illustrissimo democraticamente, sono per R. Soru, giudico positive molte cose che ha fatto, ma dovreste chiederlo anche agli alleati, portatori d’acqua, che sono scappati grazie a certi suoi comportamenti non proprio democratici, ai limiti della correttezza.
Comunque, è compito dei Soriani riconquistare quelle Forze politiche, se non riuscirete a recuperarle, avete perso la vostra, a mio giudizio, apprezzabile battaglia.
L’avversario degno di Soru………….? Non esageriamo, abbiamo già un altro Dio in Italia.
W i suscettibili, nel senso buono.
a.m.

Ps: La prossima volta vi lancio un’anatema.

desaparecido ha detto...

ah ah ah!
dai non parlo di Soru come di un Dio..ci basta già San Silvio!
E' innegabile che parte del PD sta giocando sporco anche ora;
Cabras si è dimesso!! TROPPE PRESSIONI dice! Detto da un Senatore che sta in politica da 35 anni mi sembra una vera, enorme e colossale balla!!!
Ha ragione il "tuo" amico (ahahahaha) siamo TUTTI DILETTANTI!!
A presto, hasta, a bientot...

quattromori ha detto...

leggo i vostri commenti, anzi i vostri scontri, e mi vien da ridere .perkè invece di scannarvi sul blog per dei lavori che verranno fatti nel ghetto di S.Elia, per la propaganda politica del caso, non pensate alle prossime elezioni comunali di Ussana ???????????

paololloddo ha detto...

la riqualificazione di s.elia è un passaggio importante che riguarda sia l'amministrazione regionale ma sopratutto il comune di cagliari.
cagliari si trova in questa situazione: quasi non ha un metro quadro di zona di espansione e i prezzi di vendita sono salitia livello di città europee di peso.
con le dismissioni delle aree militari tra capo s.elia e cala mosca ci sono molti ettari da "riqualificare"(provate a guardare con google map per farvi un idea).l'obbiettivo sarà sopratutto spostare i casermoni popolari da altre parti o in altri comuni e valorizzare l'ex comune di s.elia(credo 15.000 abitanti) per farne una specie di beverly hill's di cagliari, almeno quella prospicente il mare.ecco perche il sindaco di cagliari è ben contento.
in linea generale sono ben contento che gli abitanti di s.elia beneficeranno di questo,ma non bisogna distrarsi perchè ci sono forti interessi immobiliari in gioco.
sulle dinamiche interne al PD aspetterei a conoscere i contenuti della discussione; e probabilmente in occasione della festa dell'unità avremo le occasioni per confrontarci.
piuttosto che impegnarsi in commenti che non chiariscono molto ...anzi!
cinque anni fa avevamo un ottimo candidato ed una coalizione ampia che ci ha permesso di vincere e amministrare bene . dobbiamo migliorare la dove riconosciamo di avere dei limiti, perche nessuno e perfetto.la democrazia realizzata è discussione ed inclusione nel ragionamento; e poi sintesi.credo fiducioso che sapremo farlo anche questa volta senza dare sensazioni sbagliate.